Abruzzo

Vinitaly: Imprudente presenta modello 'Abruzzo-sostenibile'


Video


(ANSA) – PESCARA, 04 APR – Presentato a Verona, nell’ambito
della fiera internazionale dedicata al vino, Vinitaly, il
modello “Abruzzo-sostenibile”. Il progetto è stato illustrato
dal Vice Presidente con delega all’agricoltura, Emanuele
Imprudente, in occasione del convegno “Abruzzo Sostenibile. Vino
e salute: istruzione per l’uso”, alla presenza di personalità
importanti come il Ministro dell’Agricoltura e della sovranità
alimentare, Francesco Lollobrigida, il Sottosegretario
all’Agricoltura, Luigi D’Eramo, il Presidente del “Merano Wine
Festival”, Helmuth Köcher, e il direttore del Dipartimento
Agricoltura, Elena Sico.
   
“Questo modello nasce con l’obiettivo di rilanciare il settore
nel segno della sostenibilità delle aziende agricole – ha
esordito il vice presidente Emanuele Imprudente -. Nell’ambito
dei fondi erogati dal ‘Complemento per lo sviluppo rurale (Csr
23-27)’, come Regione Abruzzo puntiamo con determinazione sulla
sostenibilità, è il principale riferimento della nuova
programmazione con oltre il 50% delle risorse finanziare
disponibili. Abbiamo messo in campo linee di sostegno e misure
finanziarie che puntano a far crescere le nostre aziende nei
settori della tradizione e dell’innovazione, seguendo il
percorso della tutela dell’ambiente, e di garantire la
sostenibilità economica e sociale del sistema agricolo. Il
progetto prevede anche un modello unico di gestione della
promozione, per portare in giro il made in Abruzzo. Nel corso
del convegno – ha detto Imprudente – abbiamo illustrato anche le
azioni che andremo a mettere in campo per potenziare la filiera
vitivinicola: come l’acquisto di macchine e attrezzature, ad
esempio, destinati a ridurre l’impatto ambientale o
l’installazione di pannelli solari e impianti a basso consumo di
energia. Si tratta dunque di un modello virtuoso di
sostenibilità – ha concluso Imprudente – che consentirà alle
aziende agricole di poter programmare e porre in essere azioni
strutturali che preservino la biodiversità del suolo agrario”.
   
I primi tre bandi del “Csr 23-27” sono stati pubblicati a marzo:
riduzione di fertilizzanti e fitofarmaci, salvaguardia della
biodiversità e conservazione del suolo. La dotazione finanziaria
complessiva dei primi tre bandi è di circa 8 milioni di euro.
   
(ANSA).
   


Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »