Liguria

Sanremo, dopo il reintegro arriva il maxi-risarcimento per il vigile che timbrava il cartellino in mutande: 227mila euro


Sanremo. Il Comune di Sanremo dovrà risarcire con 227.443,36 euro l’ex agente della polizia municipale Alberto Muraglia che venne licenziato a margine dell’operazione “Stachanov” della Guardia di Finanza, nel 2015, per truffa ai danni dello Stato in merito al presunto assenteismo dei dipendenti comunali e all’irregolare timbratura del cartellino.

Dopo la revoca del licenziamento in Corte di Appello, il Comune è stato condannato reintegrare il vigile sul posto di lavoro e, in aggiunta, a risarcire i danni. Muraglia fu al centro delle cronache come il ‘vigile in mutande’ dopo essere stato immortalato in una foto mentre timbrava il cartellino per andare al lavoro senza pantaloni perchè, secondo l’accusa, sarebbe poi tornato a casa a dormire invece di prendere servizio. Durante il processo il suo legale, l’avvocato Alessandro Moroni, dimostrò invece che Muraglia in realtà inziava a lavorare addirittura in anticipo.

Nominato custode del mercato ortofrutticolo di Sanremo, Moroni si svegliava tutte le mattine alle 5.30 per aprire i cancelli del mercato e controllare che gli spazi fossero vuoti per i banchi degli ambulanti, poi andava a prendere servizio alle 6 in qualità di vigile urbano. Il compito di custode lo svolgeva in cambio dell’alloggio a titolo gratuito nello stabile del mercato, senza alcuna remunerazione in denaro. Per risarcire Muraglia il Comune, che nel frattempo ha presentato ricorso per Cassazione, ha dovuto riconoscere un debito fuori bilancio, la cui approvazione è stata demandata al Consiglio comunale, che si riunirà venerdì prossimo.




Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »