Lazio

Programma innovativo, avviato il cantiere tra Torrevecchia e Primavalle

Avviato il cantiere del primo progetto relativo al Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare (PINQuA), finanziato con risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (P.N.R.R.). Prevede la demolizione dell’ex Istituto Scolastico Don Calabria, in via Cardinal Domenico Capranica, e la ricostruzione di un complesso di edilizia residenziale pubblica, social housing, cohousing, con annessi servizi, parcheggi, spazi aperti e verde pubblico. 71 nuovi appartamenti, 1 area parcheggio e riqualificazione spazi esterni.

Il termine dei lavori è fissato per marzo 2026. Il costo dell’intervento, progettato dal Dipartimento PAU ed eseguito Dipartimento Csimu, è di 24 milioni di euro.

Il plesso scolastico destinato alla demolizione, in zona Torrevecchia – Primavalle, era stato occupato abusivamente e ad oggi è fatiscente. Al posto di questo edificio saranno realizzate nuove strutture ad alto efficientamento energetico destinate a diventare una plesso residenziale misto, con spazi per funzioni sociali e servizi comuni. La nuova costruzione fornirà una risposta all’emergenza abitativa tramite alloggi di edilizia sociale.

Martedì 13 Febbraio 2024 il Sindaco Roberto Gualtieri ha effettuato un sopralluogo al cantiere, con l’Assessore ai Lavori Pubblici e Infrastrutture Ornella Segnalini, l’Assessore al Patrimonio Tobia Zevi e quello all’Urbanistica Maurizio Veloccia.

Catering a Roma

È uno dei cantieri più importanti del Pnrr, di rigenerazione urbana, un Pinqua. È un intervento di demolizione-ricostruzione. Qui c’era un edificio scolastico abbandonato, degradato, ci sono state occupazioni e sgomberi: una storia turbolenta che aveva portato l’area al totale degrado” ha dichiarato il Sindaco nel corso del sopralluogo in via Cardinale Capranica.

Ora è partita la fase di demolizione e poi partiremo con la costruzione degli edifici – ha aggiunto – Aumentiamo il nostro patrimonio residenziale pubblico: come sapete stiamo sia acquistando che realizzando alloggi per avere più case popolari, ma anche ripensando il tradizionale modello dei palazzoni dormitorio con modelli in cui la vita comunitaria sia più animata: piani terra per l’aggregazione, la vita culturale, l’avviamento al lavoro e all’impresa. Infine prevediamo l’integrazione con i modelli di cohousing per le persone con disabilità, dando vita a un bel prototipo di progetto di rigenerazione urbana“.

Il Dipartimento Csimu ha lavorato con grande impegno e a fine lavori, al posto di un edificio in condizioni pessime avremo un complesso di case efficienti, moderne e con spazi verdi pensati per la socialità, al servizio dei più fragili; – ha commentato l’Assessore Segnalini – la strada, infine, sarà collegata a via di Boccea e questo permetterà sia di mitigare il traffico, sia di migliorare la sicurezza di una via al momento senza uscita”.

Il Pnrr a Roma entra nella sua fase attuativa con un progetto innovativo di rigenerazione urbana e sociale, vincitore di vari premi; – ha sottolineato l’Assessore Maurizio Veloccia – A via di Cardinal Capranica, infatti, effettuiamo una sostituzione edilizia senza nuovo consumo di suolo e, al posto di un immobile occupato, realizziamo residenze a canone calmierato. Siamo molto orgogliosi, quindi, sia per l’avvio dei lavori e sia per una progettualità così qualificata”.

La realizzazione di questi 71 appartamenti, proprio nel luogo che fu teatro di uno sgombero senza soluzioni sociali – ha concluso l’Assessore Zevi – ci permette invece di ampliare il numero di case popolari da assegnare a famiglie in difficoltà. Un intervento che coniuga qualità architettonica, sostenibilità ambientale e la mixité sociale necessaria a evitare gli errori del passato”.

Caratteristiche del progetto:

A partire da fine gennaio è iniziata la fase di cantierizzazione, a cui seguirà la demolizione dell’ex istituto scolastico Don Calabria e infine la realizzazione della nuova struttura. Il nuovo sistema di abitazioni sarà suddiviso in 2 palazzine di 5 piani che opteranno 71 alloggi, suddivisi in: 62 appartamenti, 6 alloggi di housing sociale, 2 di co-housing (totale 70 alloggi Erp) e 1 per giovani adulti disabili. Inoltre, verrà costruito 1 parcheggio pubblico e saranno allestiti spazi a servizio della collettività e del quartiere collocati al piano terra. Gli appartamenti avranno una metratura variabile tra 45 e 145 mq.

Gli spazi esterni:

La nuova costruzione si affaccerà su una corte verde pubblica aperta verso via Cardinal Capranica. Sarà delimitata per due lati dall’edificio residenziale, su un lato da una quinta vegetazionale che scherma la viabilità carrabile e sul quarto dal parcheggio in parte pubblico, in parte pertinenziale delle nuove residenze. Sulla nuova corte sono rivolti tutti gli spazi a servizio della collettività collocati al piano terra delle due palazzine. La corte “aperta” è funzionale con il contesto sotto il profilo morfologico, paesaggistico e, soprattutto, in termini di fruizione degli spazi pubblici aperti orientati a promuovere una maggiore socializzazione.

Una minore permeabilizzazione del suolo

SUPERFICIE EDIFICIO ESISTENTE: 3.245 mq

SUPERFICIE NUOVO EDIFICIO: 2.140 mq

Il disegno di impianto si propone di operare una significativa riduzione di consumo di suolo rispetto allo stato di fatto: a fronte di una nuova edificazione che presenta una volumetria pari all’incirca a quella oggi esistente, è possibile rilevare una sensibile riduzione della superficie coperta, liberando una parte del suolo oggi edificato ed attrezzandolo con verde pubblico di quartiere, parcheggi, attività sportive e attrezzature sociali di servizio.

La nuova strada:

L’intervento prevede il prolungamento di via Cardinal Capranica fino all’intersezione con via Boccea, in conformità con il Programma di Recupero Urbano “Primavalle Torrevecchia”. La zona su cui sarà realizzato l’intervento ricade nel settore Ovest della città di Roma, all’interno del Grande Raccordo Anulare, nel territorio del Municipio XIV. L’area è percorsa da importanti strade: via Boccea, via di Torrevecchia e via Mattia Battistini e si sviluppa intorno al nucleo originario di Primavalle. Via Cardinal Capranica, dove ci sarà il nuovo edificio, è una strada senza uscita, delimitata da via Via Pietro Bembo e via Pasquale II. Proprio per agevolare la mobilità in una zona intensamente trafficata, sarà realizzato il prolungamento della via.

 

 




Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »