Marche

«Il corpo trovato nel casolare è di Andreea, lo conferma il Dna»

GIALLO – Il sindaco di Jesi parla dell’esito dell’esame che era stato disposto per comprendere se i resti fossero della 27enne scomparsa. «Le indagini proseguono su questa vicenda che ha scosso la nostra comunità»

428366368_390229520288313_1848431125361977382_n-325x329

Andreea Rabciuc

«E’ arrivata questa mattina la notizia che è di Andreea Rabciuc il corpo rinvenuto nel casolare lungo la Montecarottese. Le indagini proseguono su questa vicenda che ha scosso la nostra comunità».
Ne dà notizia il sindaco di Jesi, Lorenzo Fiordelmondo, con un post sul profilo Facebook.

«Andreea – prosegue il primo cittadino – ha lavorato per diversi anni in un locale della città che mi capita di frequentare e che la ricorda come una ragazza gioiosa e autentica. Mi stringo al dolore della famiglia, alla mamma Georgeta va il mio abbraccio più sincero».
L’esito dell’esame del Dna dà dunque conferma che le ossa ritrovate nel casolare diroccato a Castelplanio, lo scorso sabato 20 gennaio e a due anni dalla scomparsa della 27enne Andreea Rabciuc, appartengono alla giovane.
Le ossa furono scoperte da uno dei proprietari del caseggiato, entrato per prendere della legna. Accortosi dei resti, chiamò subito i carabinieri.
I vestiti rinvenuti, erano quelli della ragazza ma per avere la conferma definitiva, si doveva attendere l’esito di tutti gli esami.

s2-325x154

Il post del sindaco di Jesi

Ora, è arrivata la certezza ma resta da capire come sia avvenuto il decesso. La procura di Ancona segue infatti due piste: dall’omicidio fino al gesto volontario, dopo aver trovato anche una sciarpa.
Al momento, l’unico indagato con le ipotesi di reato di istigazione al suicidio, omicidio volontario, sequestro di persona e spaccio di sostanze stupefacenti, è l’ex fidanzato della giovane.
Adesso, si attendono invece i risultati dell’esame della Tac svolto lo scorso 30 gennaio, necessario a individuare eventuali microlesioni che potrebbero in questo modo rendere più chiara la dinamica di quanto avvenuto in quel casolare.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »