Sicilia

Lombardia: stimati almeno 21 branchi di lupi in Oltrepò pavese e aree alpine di confine

Milano, 13 feb. I danni provocati dai grandi carnivori all’agricoltura e agli allevamenti lombardi sono stati al centro del dibattito in commissione speciale Valorizzazione e tutela dei territori montani, presieduta da Giacomo Zamperini (FdI), che ha incontrato i dirigenti delle direzioni generali della presidenza di Regione Lombardia e degli assessorati regionali all’Agricoltura e Territorio.

Al momento è stimata la presenza accertata di 21 branchi di lupi che si muovono lungo il territorio lombardo per un numero complessivo di esemplari superiori alle 100 unità: circa 8 branchi nell’Oltrepò pavese, 9 sulle aree alpine (alcuni di questi gruppi di lupi sono transfrontalieri, ossia si muovono anche verso la Svizzera e la provincia di Trento). Sono 4 invece quelli presenti nelle zone di pianura. Nel 2023 le predazioni sono state un centinaio e ammonterebbe a circa 70mila euro l’importo degli indennizzi, riguardante sia agricoltori che privati cittadini. Durante la seduta è stata sottolineata l’importanza della prevenzione, che ad oggi si sviluppa e viene attuata prevalentemente attraverso il ricorso a recinzioni di protezione delle proprietà agricole e di piccoli o grandi allevamenti.

Nel 2019 il bando, rivolto alle imprese agricole danneggiate da passaggi di grandi carnivori, ha soddisfatto 59 domande per un importo di 250mila euro e nel 2022 le domande sono state 46 a fronte di 220mila euro. Il prossimo bando, che sarà aperto a maggio, prevede una dotazione finanziaria di un milione di euro rivolto ad agricoltori che intendono realizzare recinzioni fisse, mobili, elettrificate e non elettrificate.

Altro aspetto sollevato in commissione ha riguardato anche le possibilità di indennizzo previste per coprire i danni provocati dai grandi predatori destinate ai privati cittadini. Aspetto questo, è stato specificato, che contraddistingue la Lombardia da altre Regioni che prevedono il risarcimento esclusivamente per i danni alle imprese agricole.

“Gli incontri di oggi hanno aggiunto un tassello importante al lavoro che stiamo portando avanti sul tema, contribuendo a delineare un quadro potenzialmente preoccupante della presenza dei grandi carnivori che non può più essere ignorato -ha sottolineato il presidente della commissione Giacomo Zamperini-. Il problema lupo è reale, la sua presenza in Lombardia è in costante crescita, non solo nelle zone montane, ma anche in pianura. La prevenzione con le reti elettrificate e gli indennizzi da soli però non sono più sufficienti: ritengo che oggi sia necessario lavorare tutti insieme per arrivare alla predisposizione di un piano di gestione e contenimento di questa specie, come avviene già per nutrie e cinghiali”.

Nel corso della mattinata la commissione ha incontrato anche i rappresentanti delle associazioni di categoria degli agricoltori (Confagricoltura, Coldiretti, Cia, Copagri, Aral), che hanno evidenziato come diversi pastori e allevatori di montagna siano in difficoltà nel proseguire e portare avanti la propria attività nelle zone alpine e montane a causa dei danni provocati dalla fauna selvatica e dai grandi predatori.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »