Sport

Juve-Chiesa, incontro con l’agente per restare un anno in più


Il contratto dell’azzurro scade nel 2025, Ramadani ha promesso al club che non andrà via a zero

Fabiana Della Valle

– torino

Più che con il tennis, Federico Chiesa ogni tanto nel tempo libero (in particolare l’estate) si diletta con il padel, mentre la tennista “di famiglia” è la fidanzata Lucia Bramani, che posta spesso foto torinesi con la racchetta. Il numero 7 della Juventus, incoronato da Luciano Spalletti “il Sinner azzurro” (che di questi tempi è il miglior complimento che si possa fare a uno sportivo) domenica sera è tornato a brillare in maglia bianconera dopo aver centrato la qualificazione all’Europeo 2024. Non ha segnato, però ha regalato un assist prezioso per l’amico Dusan Vlahovic, prontissimo a raccogliere l’invito a rete, ed è stato uno dei migliori nella sfida tra prima e seconda della Serie A. Mentre Fede fa il Sinner in campo, dietro le quinte il suo agente Fali Ramadani e la dirigenza juventina continuano a lavorare per il rinnovo di contratto. La scorsa settimana c’è stato un nuovo incontro, senza significativi passi avanti ma che testimonia la volontà delle parti in causa di arrivare a una soluzione che possa accontentare entrambi.

LA PROMESSA DI FALI

—  

 Il direttore tecnico Cristiano Giuntoli e il diesse Giovanni Manna hanno ottimi rapporti con il procuratore di Chiesa e non temono brutti scherzi, sebbene il giocatore abbia il contratto in scadenza nel 2025. Significa che senza rinnovo la prossima estate la Juventus avrebbe meno potere contrattuale nel caso in cui ci fossero delle squadre interessate a lui e Fede decidesse di andare via. Al momento non ci sono segnali in questa direzione, però la Signora intende cautelarsi, per questo ha voluto incontrare Ramadani, strappando al procuratore la promessa che non porterà via l’attaccante a parametro zero, creando così un danno economico al club. Un anno in più Questo non significa che il rinnovo sarà imminente, né la Juventus né il clan che gestisce gli interessi di Chiesa hanno fretta, però c’è la volontà comune di prolungare. L’idea del club bianconero è quella di proporgli un rinnovo-ponte alla Rabiot: un altro anno di contratto alle stesse condizioni economiche (5 milioni di euro netti a stagione) con la promessa che se continuerà a fare bene appena possibile ci sarà un adeguamento dell’ingaggio.

ABBASSARE I COSTI

—  

Allungare la durata dell’accordo permetterebbe alla Signora di ridurre i costi di ammortamento oltre che mettersi al sicuro. Di sicuro il buon momento di Fede in maglia azzurra ha spinto i bianconeri ad accelerare, consci che con prestazioni così a giugno aumenterebbero le possibilità che possano arrivare offerte importanti, magari dalla Premier League. Chiesa al momento non pensa all’addio però da qui all’estate tutto può succedere. Da parte loro Giuntoli e Manna hanno apprezzato la disponibilità dell’azzurro a rinnovare e sono pronti a loro volta a valutare proposte e lasciarlo andare via nel caso in cui il giocatore volesse essere ceduto. Il dialogo prosegue e i contatti con Ramadani sono continui e costanti. La Juventus sa che Chiesa è un giocatore importante e spera di riuscire a trattenerlo. Lui e Dusan Vlahovic possono essere il futuro della Signora e prendersi la scena ancora per molti anni.




Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »