Marche

Brividi iniziali, poi la rimonta: la Yuasa Battery supera anche l’ostacolo Pineto

GROTTAZZOLINA – Sotto 0-2, e senza la diagonale titolare, i ragazzi guidati da Massimiliano Ortenzi e Mattia Minnoni ribaltano la sfida casalinga contro l’Abba e firmano l’undicesima vittoria consecutiva, restando la capolista imbattuta di un campionato, per i Grottesi, decisamente sopra le righe

GROTTAZZOLINA – Ogni partita nasconde sempre un’insidia, ma questa Yuasa Battery non ha paura delle avversità ed anche senza Marchiani e Breuning, uscito nel corso del match, può pescare tranquillamente dalla panchina tantissimi giocatori che possono risolvere la situazione.

Sotto 0-2 Mitkov e compagni, senza paura, ribaltano l’inerzia del match e vanno dritti per la loro strada fino al tripudio di un PalaGrotta tutto in piedi per l’undicesima vittoria consecutiva dei propri beniamini, che proseguono così il cammino imbattuti in campionato.

Coach Giacomo Tomasello sale al PalaGrotta schierando in avvio Matteo Paris al palleggio, Mateusz Frac in diagonale, Gianluca Loglisci e Paolo Di Silvestre in banda, Rok Jeroncic e Kruno Nikacevic al centro, Alessandro Sorgente e Giancarlo Pesare ad alternarsi nel ruolo di libero, dall’altra parte della rete coach Massimiliano Ortenzi risponde con Matteo Lusetti in cabina di regia, Rasmus Breuning Nielsen opposto, Michele Fedrizzi e Claudio Cattaneo schiacciatori ricevitori, Andrea Mattei ed Andrea Canella centrali con Andrea Marchisio a comandare le operazioni di seconda linea.

IL TABELLINO

YUASA BATTERY GROTTAZZOLINA 3: Cubito, Vecchi, Lusetti 4, Canella 9, Mattei 9, Breuning 10, Ferraguti ne, Mitkov 17, Romiti A. ne, Fedrizzi 22, Marchiani ne, Romiti R. (L2) ne, Marchisio (L1) 84% (52% perf.), Cattaneo 12. All. Ortenzi, vice Minnoni

ABBA PINETO 2: Mignano X, Pesare (L2), Sorgente (L1) 35% (30% perf.), Jeroncic 2, Chavers 8, Frac 10, Basso ne, Di Silvestre 18, Paris 1, Nikacevic 15, Loglisci 12, Panciocco, Msatfi, Marolla ne. All. Tomasello, vice Palermo

PARZIALI: 20-25 (25’), 26–28 (30’), 26–24 (30’), 25–13 (22’), 15–07 (14’)

ARBITRI: Maurizio Merli e Luca Grassia

NOTE: Grottazzolina 25 errori in battuta, 5 ace, 10 muri vincenti, 75% in ricezione (38% perf), 56% in attacco. Pineto: 17 errori in battuta, 3 ace, 10 muri vincenti, 39% in ricezione (23% perf), 48% in attacco.

LA CRONACA

Il primo punto del match è di Breuning, che stoppa subito a muro Loglisci per l’1-0; lo stesso schiacciatore dei pinetesi capovolge immediatamente la situazione (1-2) ma ci pensa Cattaneo a ristabilire il vantaggio della Yuasa Battery, che guadagna così il 4-3. Un altro punto di Loglisci, stavolta dal servizio, dà il +2 all’Abba Pineto (4-6) ma pochi istanti dopo il punteggio ritorna in equilibrio grazie a Fedrizzi che gioca sulle mani del muro avversario per il 7-7. Gli abruzzesi tornano di nuovo avanti sfruttando un errore dei padroni di casa (8-10), Grotta però non ci sta e sfrutta la diagonale di Cattaneo per impattare a quota 11, ma il servizio vincente di Frac porta i ragazzi di Tomasello di nuovo sul +2 (11-13). La battuta di Canella permette a Mattei di mettere a terra il primo tempo del 13-13, Nikacevic alza il muro consentendo ai suoi di guadagnare il 13-15 mentre il tocco di seconda di Lusetti sorprende la difesa biancoazzurra per il 16-17. Il diagonale out della Yuasa Battery mette in pericolo il set regalando il 17-20 all’Abba Pineto, Frac ne approfitta per siglare il 17-21 con lo stesso opposto degli abruzzesi, che firma anche il set point (20-24) trasformato da Jeroncic il quale mette a terra una palla vagante fissando così il risultato del primo parziale sul 20-25.

Al cambio di campo Breuning alza subito il muro regalando ai suoi il 2-0, con la difesa di Canella che consente a Lusetti di offrire un cioccolatino a Breuning, che lo trasforma nel 4-1 in favore di Grottazzolina. Nikacevic stoppa Cattaneo ed accorcia le distanze (5-4), Breuning scalda il braccio e trova il cambio palla del 6-4 mentre non passa l’attacco di Di Silvetre e così la Yuasa Battery vola sul +3 (9-6) con coach Tomasello costretto a chiamare la sospensione tecnica. Al rientro in campo Fedrizzi alza il muro e stoppa lo stesso schiacciatore degli abruzzesi (10-6) che si rifà subito dopo siglando il 10-7, la pestata della seconda linea da parte di Breuning riavvicina l’Abba Pineto (14-13), due punti di Di Silvestre rimettono tutto in discussione (15-15), ma ci pensa Cattaneo a spingere Grottazzolina verso il nuovo vantaggio (18-16). E’ ancora Di Silvestre a farsi carico dell’attacco dei suoi ed a firmare l’ennesima parità, stavolta a quota 18, esce però il primo tempo di Nikacevic (20-18) con il neo entrato Mitkov, subentrato ad un acciaccato Breuning, che sblocca finalmente la Yuasa Battery la quale sulle ali dell’entusiasmo del nuovo pienone del PalaGrotta vola verso il 21-18. Sembra fatta per i ragazzi del duo Ortenzi–Minnoni ma Chavers tiene a galla l’Abba (23-21), Di Silvestre accorcia ulteriormente sul -1 (23-22) prima di annullare il gap ed impattare per l’ennesima volta il risultato a quota 23. Terzo punto consecutivo per lo schiacciatore dei pinetesi, che raggiungono così il set point (23-24) annullato però prontamente da Fedrizzi (24-24), ma nella lotteria dei vantaggi la spunta Pineto con Loglisci, che stoppa Mitkov per il 26-28 che vale il doppio vantaggio nel computo dei set.

Nel terzo periodo due errori dell’Abba regalano il +2 alla Yuasa Battery (7-5) ma il servizio di Di Silvestre si arrampica sul nastro e cade a terra sul campo di Grottazzolina per il 7-7. Mitkov (800 attacchi vincenti in Serie A) spinge sulle mani del muro avversario (10-8), Fedrizzi stoppa Chavers (11-8) ma gli abruzzesi non mollano e con Nikacevic agguantano gli avversari a quota 11. Un contestatissimo video check da parte della panchina grottese, costato anche un cartellino giallo (14-15), sblocca Mitkov il quale firma due punti consecutivi che mandano avanti la Yuasa Battery 16-15. Le due formazioni vanno avanti con un cambio palla molto regolare, arrivando così sul 23-22 quando Fedrizzi contrattacca in maniera vincente dando ai suoi il 24-22, mentre è ancora Nikacevic a tenere Pineto sul pezzo portandola di nuovo ai vantaggi (24-24) dove a spuntarla stavolta è Grottazzolina, che sfrutta la buonissima battuta di Cattaneo per chiudere di prima intenzione con Fedrizzi sul punteggio di 26-24 riaprendo così il match.

Al nuovo cambio di campo le due squadre se le suonano di santa ragione: il primo vero break è di marca Grottazzolina, con Mitkov che da seconda linea sigla il 9-6 mentre Fedrizzi, dopo una straordinaria difesa di Mattei, conduce i suoi verso il 10-6. La Yuasa Battery, sospinta dal proprio pubblico, si gasa ed allora Lusetti trasforma di prima intenzione un’ottima battuta di Mattei che fa volare Grotta sul +5 (11-6), mentre Canella si esalta a muro certificando la fuga dei padroni di casa che vanno così sul 12-6. Lusetti ci prende gusto e trova un bell’ace che vale il 14-7 seguito poco dopo da Fedrizzi che regala ai suoi, con lo stesso fondamentale, il 17-9 indirizzando ormai il set verso la direzione di Grottazzolina. Alla ripresa del gioco, dopo il timeout chiesto da Tomasello, Cattaneo spazzola sulle mani del muro avversario (18-9), Fedrizzi tira un’altra staffilata dalla linea dei nove metri (19-9) mentre Canella imita il suo compagno di squadra e, grazie al suo servizio, porta i suoi compagni verso il 21-10. Frac e Di Silvestre provano a rilanciare l’Abba (22-12), Cattaneo gioca sulle mani del muro ospite per il 23-12 siglando poi l’ace del 24-12, mentre è Fedrizzi a spedire le due formazioni dritte al tiebreak (25-13).

L’ultimo set lo apre Di Silvestre che, dopo una lunghissima azione, trova il punto dello 0-1 ma Fedrizzi risponde presente pareggiando immediatamente i conti (1-1). Loglisci porta avanti Pineto (3-4), Mattei alza però il muro ribaltando la situazione (5-4) con Cattaneo che lo segue a ruota imitandolo immediatamente e così stoppa Frac per il 6-4. Pineto sciupa la palla del pareggio e Nikacevic manda in rete il suo primo tempo (7-5) ma lo stesso centrale si rifà subito firmando il nuovo -1 (7-6) che rimette in scia la formazione guidata da Tomasello. L’ottima ricezione di Marchisio permette a Mitkov di tirare forte un altro bel pallone, facendo cambiare campo alla Yuasa Battery avanti di due lunghezze (8-6), Mattei stoppa Loglisci per il 9-6 mentre Pineto pasticcia in ricostruzione consentendo a Mitkov di mettere a terra un altro punto che fa volare Grottazzolina sul 10-6. Passa in mezzo al muro l’attacco di Frac (10-7), ma l’opposto dei marchigiani è in trance agonistica ed allora firma in successione l’11-7 ed il 12-7. Si arriva così al rush finale, con Mattei che tira forte il servizio permettendo a Canella di timbrare il 13-7, un impressionante Mitkov sfonda il muro pinetese per il 14-7 con lo stesso bulgaro “adottato” dai grottesi, premiato all’unanimità mvp del match, a festeggiare insieme al pubblico del PalaGrotta per il 15-7 che vale un’incredibile undicesima vittoria consecutiva in campionato e come dice lo speaker Claudio Marcacci: “La pallavolo è lo sport più bello del mondo perché è solo esso che può regalare queste grandi emozioni”.

Dopo la paura iniziale, e l’uscita precauzionale di Breuning a causa di un affaticamento, la Yuasa riesce a ribaltare una partita iniziata male e, sotto di due set, firma una stupenda rimonta che le consente di conservare la leadership in campionato con quattro lunghezze sulla prima inseguitrice, la Tinet Prata di Pordenone. Terminato il tour de force, con tre partite nel giro di una settimana, si ritornerà ora ad un ritmo un po’ più “normale” e così la truppa guidata da Massimiliano Ortenzi e Mattia Minnoni può preparare con più calma la prossima sfida che vedrà la Yuasa Battery Grottazzolina viaggiare, domenica prossima 17 dicembre, alla volta di Santa Croce sull’Arno per sfidare, a partire dalle ore 16.00, la Kemas Lamipel.

 

Articolo correlato: 

Yuasa Battery senza limiti, espugnata anche Siena

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »