Salute

Nei primi due mesi del 2024 aumentano i morti sul lavoro: 119, mai così tanti da prima del Covid. Al Sud il maggiore incremento


Nei primi due mesi del 2024, complice il crollo nel cantiere del supermercato Esselunga di Firenze in cui sono rimasti uccisi cinque operai, si aggravano i dati della strage sul lavoro. Stando all’ultimo aggiornamento dell’Inail sono stati 119 gli incidenti con esito mortale: dal 2019 non erano mai stati così tanti nel primo bimestre dell’anno. In aumento anche le denunce complessive di infortunio: se ne sono contate 92.711, il 7,2% in più rispetto al febbraio 2023. Anche in questo caso si tratta del numero più alto da prima della pandemia.

È il Sud a guidare la classifica territoriale dei maggiori incrementi: i casi mortali sono passati da 14 a 24, come nel Nord Est dove nel 2022 i morti erano però stati 22. L’incidenza maggiore si registra però ancora al Nord Ovest, con 39 casi (dai 35 dell’anno prima). Solo il Centro Italia registra un piccolo miglioramento: da 23 morti sul lavoro nei mesi di gennaio-febbraio 2023 a 21 nel gennaio-febbraio 2024.

Osservando le regioni, in cima alla “classifica nera” c’è la Lombardia dove si segnalano 8 morti in più. Seguono la provincia autonoma di Bolzano e la Campania (+6 in entrambe), il Lazio (+5) e la Sicilia (+4). In calo i morti in Veneto (8 in meno) e il Piemonte (6 in meno).

I casi mortali denunciati sono saliti da 93 a 110 per gli uomini. Tra le donne gli infortuni con esito mortale passano invece da 7 a 9. In aumento sia le denunce relative ai lavoratori italiani (da 84 a 89) sia agli extracomunitari (da 14 a 23) e comunitari (da 2 a 7). Guardando alle classi di età si registra un aumento tra le persone tra i 30 e i 39 anni (da 8 a 16 casi), tra i 45-54enni (da 22 a 37 casi) e tra i 65-74enni (da 6 a 14). Diminuzione, invece, tra gli under 30 (da 15 a 8 casi).


Source link

articoli Correlati

Back to top button
Translate »