Veneto

Lisa Vittozzi è leggenda: medaglia d’oro ai mondiali di biathlon


Le si inceppa la carabina prima del primo poligono, mantiene la calma, prende cinque colpi, e con rabbia va a completare una rimonta che le vale l’oro nella prova Individuale di 15 km ai Mondiali di biathlon. Pazzesca Lisa Vittozzi, la sappadina di 29anni dei carabinieri, dopo l’argento nella Sprint, va a prendersi un oro pazzesco. Da leggenda.

Pettorale 10 per Lisa Vittozzi nell’Individuale, il format prevede 4 poligoni in 15 km. Come nella Sprint molto faranno i materiali a disposizione delle atlete, oltre che la precisione al tiro. Non piove, c’è bel tempo, al contrario delle gare precedenti a Nove Mesto. Le avversarie sono le solite: le francesi Simon, Braisaz e Jeanmonnot, le sorelle svedesi Oberg, la norvegese Tandrevold, la ceca Davidova. E poi c’è la Dorotea Wierer campionessa del mondo in questa specialità ad Anterselva.

Primo poligono a terra dopo 2,5 km, chi sbaglia ha un minuto di penalità: non poco. Ha un inghippo Lisa, grosso. Le si inceppa la carabina, perde oltre secondi prima di sparare il primo colpo, ma mantiene la lucidità e non sbaglia mai. Sarebbe stata prima, deve rimontare, ma va veloce sugli sci. Alla fine del primo giro è a 28 secondi dalla Simon che guida.

Vittozzi sugli sci vola, vuole scrollarsi di dosso quell’inghippo con la carabina. Ora è la francese Braisaz che conduce nettamente la gara. Secondo poligono, in piedi, la sappadina 29enne dei carabinieri, dopo un giro clamoroso sugli sci, è determinata, lo si vede dal volto. Tranquilla e determinata: non sbaglia.

Braisaz, va forte sugli sci, ma sbaglia due colpi e si chiama fuori la prima delle francesi al terzo poligono dove la sappadina, che va veloce sugli sci, è ancora perfetta. Come Janmonnot e Simon, che è di un’altra categoria anche come rilascio dei colpi.

Quarto giro, sugli sci l’azzurra continua a rosicchiare sulle francesi. Ma per una medaglia non deve mai sbagliare al poligono. Eccolo l’ultimo poligono: perfetta l’italiana. Venti su venti, la sappadina è sul podio.

Janmonnot è più lenta sugli sci e pure sbaglia. Lisa vola verso …l’oro, perché accade l’incredibile: Simon, finora perfetta sbaglia e Vittozzi, che ha cominciato la gara con quell’inghippo, ha fatto una rimonta pazzesca. L’italiana arriva stremata, seconda si piazza la tedesca Hettich che lotta fino alla fine. Ma niente da fare, l’oro è dell’azzurra perché se lo è meritato con una gara perfetta: è la sua decima medaglia mondiale. Fenomenale


Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »