Mondo

Infrastrutture energetiche dell’Ucraina in condizioni di guerra: il fronte del carburante sull’esempio Andrii Biba della rete BRSM-Nafta

Offrire servizi di alta qualità, pagare le tasse, creare posti di lavoro: questo era l’elenco esaustivo delle responsabilità aziendali in Ucraina. Tutto è cambiato con la prima esplosione del 24 febbraio 2022. Sostenere l’economia, lavorre in blackout, fare volontariato per le Forze armate ucraine ed essere salvatori per le persone che fuggono dalla guerra russa. Fin dai primi giorni dell’invasione su vasta scala, il proprietario del marchio BRSM-Nafta, Andrii Biba, e la rete di distributori di benzina (217 complessi) insieme all’intero paese, hanno seguito linee militari. Per più di 21 mesi, tutte le attività attuali dell’azienda sono state ridotte all’obiettivo principale: aiutare l’Ucraina a vincere.

Infrastrutture energetiche dell’Ucraina in condizioni di guerra: il fronte del carburante sull’esempio Andrii Biba della  rete BRSM-Nafta

Fare rifornimento, riscaldare, accogliere

 BRSM-Nafta è una delle prime reti di distributori di benzina nell’Ucraina indipendente. L’azienda opera dal 1992 e attualmente dispone di 215 complessi di distributore di benzina. Qui lavorano 6.000 dipendenti e più di 1,6 milioni di automobilisti fanno rifornimento. Nei giorni più terribili di febbraio del 2022, la vasta rete di distributori di benzina si è trasformata in centri di assistenza agli ucraini.

Infrastrutture energetiche dell’Ucraina in condizioni di guerra: il fronte del carburante sull’esempio Andrii Biba della  rete BRSM-Nafta

Quando le altre reti furono chiuse, BRSM-Nafta funzionò. L’Oblast’ di Kiev, l’Oblast’ di Chernihiv, l’Oblast’ di  Sumy, l’Oblast’ di Kharkiv, l’Oblast’ di  Donetsk, l’Oblast’ di Kherson, l’Oblast’ di Zaporizhzhia — BRSM-Nafta è l’unica rete ucraina che non ha smesso di funzionare nelle regioni più calde dell’Ucraina. Centinaia di migliaia di persone hanno cercato di lasciare la zona di guerra, l’esercito è passato all’offensiva: il carburante era vitale per tutti. A Mila, non lontano da Bucha, il complesso di distributore di benzina BRSM-Nafta ha rifornito le auto sull’autostrada Zhytomyr finché questa non è stata completamente distrutta dagli invasori. Sette mesi dopo, uno dei dipendenti dell’azienda morì a seguito di un attacco mirato da parte dei terroristi in una stazione di servizio a Dnipro.

Infrastrutture energetiche dell’Ucraina in condizioni di guerra: il fronte del carburante sull’esempio Andrii Biba della  rete BRSM-Nafta

Fin dai primi giorni dell’invasione su vasta scala della Russia, tutti sono stati coinvolti nel lavoro: il proprietario del marchio BRSM-Nafta Andrii Biba e ogni dipendente del complesso di distributore di benzina. Come si dice in azienda, il compito a quei tempi era uno: rifornire di carburante tutti e dare rifugio a coloro che non potevano andare avanti. Nelle stazioni di servizio di Dnipro, Kamianets, Skole e altre città “nodali” sono stati creati confortevoli ostelli per accogliere i migranti forzati. A tutti coloro che ne avevano bisogno sono stati forniti accoglienti stanze di riposo e cibo caldo. Diverse stazioni di distributore di benzina BRSM-Nafta situate lungo i percorsi dei “corridoi verdi” sono passate al funzionamento 24 ore su 24.  Le colonne di veicoli di evacuazione, le ambulanze, le attrezzature per la costruzione di fortificazioni difensive sono state rifornite gratuitamente di carburante.

Infrastrutture energetiche dell’Ucraina in condizioni di guerra: il fronte del carburante sull’esempio Andrii Biba della  rete BRSM-Nafta

L’organizzazione di beneficenza la “FONDAZIONE DI BENEFICENZA “BRSM”

 Allo stesso tempo sono iniziati i lavori, che in seguito si sono trasformati in un vero e proprio fondo di beneficenza. In totale, circa 45 milioni di grivnie sono state trasferite per aiutare le Forze armate ucraine.

La mensa dell’ufficio BRSM-Nafta si è immediatamente trasformata in una cucina per preparare pasti caldi per il personale militare ai posti di blocco. Fin dai primi giorni della grande guerra, la rete rifornisce gratuitamente il trasporto di personale militare, volontari e servizi critici. Anche nella primavera del 2022, quando l’Ucraina perse improvvisamente l’80% delle sue forniture al culmine della crisi del carburante, la rete disponeva di scorte per veicoli militari. A novembre 2023, i difensori hanno ricevuto dall’azienda 870 mila litri per un valore di oltre 37 milioni di grivna.

Infrastrutture energetiche dell’Ucraina in condizioni di guerra: il fronte del carburante sull’esempio Andrii Biba della  rete BRSM-Nafta

Il proprietario del marchio BRSM-Nafta, il filantropo Andrii Biba, ha proposto di rendere sistematici gli aiuti all’esercito. Su sua iniziativa l’azienda ha creato l’organizzazione di beneficenza la “FONDAZIONE DI BENEFICENZA “BRSM”. Il suo slogan è diventato “aiuto in un clic”. La rete ha offerto ai propri clienti, membri del programma fedeltà BRSM PLUS, di scegliere una percentuale di sconto personale sul carburante, che viene automaticamente trasferita alle esigenze dei militari.

Durante questo periodo, l’azienda ha consegnato i trattori DAF, le autocisterne, migliaia di set di uniformi e le scarpe ed i dispositivi di protezione individuale a varie unità delle Forze di Difesa. Attualmente è in corso una vasta raccolta di 250 droni kamikaze. È già stato acquistato e consegnato ai difensori “140”.

BRSM-Nafta non solo attira i clienti alle raccolte, ma fornisce anche un contributo finanziario significativo al rafforzamento delle nostre capacità di difesa. Andrii Biba raddoppia i fondi raccolti dalla fondazione di beneficenza. Partecipa direttamente a tutti gli acquisti. Per acquistarne di più, ha aggiunto 1,5 milioni di grivnie dei propri fondi per le uniformi invernali e i droni FPV.

Affari stabili – economia stabile

 Allo stesso tempo, BRSM-Nafta continua a investire nello sviluppo e nel ripristino delle proprie strutture danneggiate dalla guerra. Dopotutto, è necessario fornire servizi di alta qualità e rifornire di carburante le auto anche in tempi bui, in senso letterale e figurato. Tutti i 6 complessi di distributore di benzina, parzialmente o completamente distrutti dagli occupanti russi, sono stati restaurati.

Tutti i complessi di distributore di benzina sono dotati di generatori diesel e starlink. 13 complessi e la sede centrale sono dotati di stazioni solari con una capacità totale di 260 kW. Ciò consente di ridurre il consumo di elettricità del 30-50%, coprire le proprie esigenze e alimentare anche le infrastrutture critiche vicine.

Pertanto, durante le interruzioni di corrente su larga scala dell’autunno e dell’inverno del 2022, i complessi di distributore di benzina BRSM-Nafta erano pieni di gente, proprio come a febbraio e marzo. Tutti potevano caricare gadget, riscaldarsi, mangiare e bere tè caldo.

Per garantire carburante di qualità selezionata e nei volumi richiesti dallo Stato, l’azienda ha concluso contratti con importatori che lavorano con gli hub e i porti dei paesi europei. Il carburante viene importato via strada, ferrovia e mare dai paesi dell’UE, dal Nord Africa e dall’America orientale. Il carburante copre il percorso dal trasbordo dalla nave al serbatoio della benzina del cliente in soli 3 giorni.

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »