Friuli Venezia Giulia

Il rilancio del “Meduna” tra restyling bar e salottino libri – PORDENONEOGGI.IT

PORDENONE – Un nuovo look per le feste. E’ quello del Centro commerciale Meduna, “il vero centro commerciale della città” secondo la definizione della presidente Antonella Popolizio che ieri, venerdì 8 dicembre, ha indossato il suo abito più bello rinnovandosi per essere ancora più moderno e ancora più funzionale.


Con l’occasione, è stato promosso il restyling dei due bar Momenti (gestito da Ilaria Zol, che coordina anche il ristorante al secondo piano) e Elixir (di Roberto Cadamuro e Gianni Fregonese) ed è stato ricavato un salottino per accogliere l’iniziativa Seminar libri, il servizio di book sharing già presente nel centro commerciale, che ora può contare su uno spazio dove sedersi, leggere un buon libro e organizzare incontri con l’autore e altre iniziative.


Ieri, per cominciare, c’è stato l’incontro con la scrittrice per l’infanzia Monica Frasson che ha accolto i bambini nello spazio Seminar libri, per delle letture con “la tavola delle storie”. Inoltre, Giuseppe Faggiotto, di Peratoner, e il suo staff hanno realizzato lungo la galleria dei negozi un paesaggio natalizio tutto di cioccolato.

“Abbiamo pensato di dare splendore a questo spazio – ha sottolineato Gloria Favret, presidente del consiglio di zona pordenonese di Coop Alleanza 3.0 – enfatizzarlo e organizzare incontri tutto l’anno con scritto locali e punto d’incontro per dialoghi.  La lettura e la cultura per Coop alleanza è molto importante. I libri sono di tutti e il book sharing dà la possibilità di diffondere libri e libertà”.


“Il nostro – ha rilevato Popolizio – è il centro commerciale della città . Piccolo e ricco di servizi, con ampio spazio alla socialità. Sono presenti imprenditori locali, molti hanno i negozi anche in città e i clienti sono affezionati. Lo abbiamo arricchito con nuovi colori accattivanti, un nuovo arredamento di luce e design e nuovi spazi sempre più ampi per accogliere i tanti momenti conviviali della clientela che frequenta il centro”.

 

 

 

 

 


Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »