Liguria

Giornata della trasparenza di Asl3, Toti: “Piano di ammodernamento ambizioso e complesso”


Genova. Si è svolta questo pomeriggio presso la sala Quadrivium la Giornata della Trasparenza di Asl3: un evento, aperto a cittadinanza e stakeholder, che rappresenta un momento di condivisione dei percorsi avviati dall’Amministrazione e dei risultati ottenuti nell’ambito della trasparenza e lotta alla corruzione nel 2023, con un focus su attività e best practices promosse per garantire ai cittadini un’assistenza sanitaria e una presa in carico efficace dei bisogni di salute.

“Asl 3, che è una delle aziende sanitarie più grandi d’Italia per numero di cittadini, ha un piano di ammodernamento molto ambizioso, che prevede Case e Ospedali di Comunità, oltre a nuovi ospedali a Genova e ad un piano di presa in carico del cittadino legato alla promozione di corretti stili di vita – commenta il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – pensiamo anche ai molti passi avanti fatti sul fronte della digitalizzazione, delle nuove strutture come la Casa di Comunità di Bolzaneto e dell’ampliamento del Pronto soccorso del Villa Scassi. Nel campo della sanità i servizi non sono sempre veloci come vorremmo, anche a causa degli strascichi dell’emergenza Covid, ma non bisogna drammatizzare troppo i problemi: il nostro sistema sanitario nazionale rimane uno dei migliori al mondo”.

Il presidente della Regione è intervenuto anche sulle liste d’attesa: “È un tema che esiste senza dubbio, per una serie di ragioni che vanno dal recupero delle prestazioni post Covid allo scarso appeal che alcune specializzazioni mediche hanno tra gli studenti di Medicina – commenta Toti –. Il governo ha investito 3 miliardi di euro su questo e come Regione Liguria nel prossimo bilancio dedicheremo diversi milioni proprio per aumentare le prestazioni ai cittadini e quindi per abbattere le liste d’attesa. Si tratta però di questioni che non possono essere risolte solo con gli investimenti: c’è il tema della scarsità di professionisti, c’è il tema di poter pagare le prestazioni straordinarie oggi calmierate. È necessario che il Parlamento ci dia una mano con regole più flessibili e contratti nazionali più meritocratici, che ci permettano di aumentare la produttività delle nostre strutture”

“In questa giornata – spiega Luigi Carlo Bottaro, direttore generale Asl3 – abbiamo l’opportunità di rappresentare e raccontare a cittadini e stakeholder ciò che la nostra azienda ha portato, in termini di valore, alla comunità. Il 2022 rappresenta il paragone per interpretare gli importanti e significativi risultati raggiunti nel 2023. Anno certamente complesso, considerando un contesto sanitario sempre più impegnativo che ci ha posto e ci pone quotidianamente grandi sfide, come per fare un esempio la carenza di medici. Nonostante un quadro difficile Asl3 ha continuato con pervicacia e abnegazione a garantire i servizi ottenendo anche un incremento generale, verso il 2022 , della produzione ospedaliera dell’1,8% , con punte di eccellenza in ambito chirurgico, e del 5% in ambito ambulatoriale Ma non ci siamo fermati qui. Abbiamo lavorato – aggiunge Bottaro – per migliorare i percorsi dei pazienti cronici e ci siamo occupati di strategie innovative in tema di prevenzione. Elemento cardine nel breve e lungo periodo per aumentare la qualità della vita delle persone e contestualmente per mettere all’angolo i problemi cronici della sanità, quali liste di attesa, intasamento del pronto soccorso e costi. Ecco allora che l’ultima novità, in ordine di tempo, elaborata in concerto con l’assessorato alla Sanità di Regione Liguria, è la nascita del primo dipartimento in Italia dedicato ai corretti stili di vita. Una rivoluzione copernicana – conclude- sia a livello organizzativo che culturale con l’obiettivo di mantenere in salute la comunità”.




Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »