Trentino Alto Adige/Suedtirol

Circonvenzione d’incapace, avvocato altoatesino condannato a due anni – Cronaca



BOLZANO. Due anni, con pena sospesa, 1.600 euro di multa e 100mila di provvisionale a favore della parte civile.

Si è concluso così il processo, in rito abbreviato, a carico di un avvocato altoatesino accusato di circonvenzione d’incapace.

Il giudice dell’udienza preliminare (gup) ha accolto la richiesta della Procura per una condanna a tre anni, scontati di un terzo per il rito alternativo.

L’avvocato, nominato amministratore di sostegno da una donna di 75 anni (che si è costituita parte civile), è accusato di essersi fatto pagare 230 mila euro di onorario per prestazioni lavorative non meglio specificate, e di avere indotto la vittima a sottoscrivere un contratto preliminare di vendita della sua quota di comproprietà di un maso chiuso per 125 mila euro (a fronte di un valore di mercato reale stimato intorno ai 535 mila) a favore di un nipote.

Era stato un altro nipote a insospettirsi e a far scattare le indagini. Ora il legale rischia un procedimento disciplinare interno all’Ordine degli avvocati.




Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »