Politica

Auto, Italia alla riunione Ue: ‘Non siano esclusi i biocarburanti’ – Politica

Nel corso della Riunione dei Rappresentanti Permanenti Aggiunti in Ue (Coreper I), a quanto si apprende, l’Italia ha sottolineato che una interpretazione restrittiva dei carburanti neutri in termini di CO2 (che include cioè e-fuels ma esclude altri carburanti rinnovabili come i bio carburanti) non è accettabile in quanto non in linea con il principio di neutralità tecnologica. L’Italia, con altri Stati membri, ha reiterato la propria richiesta di postporre la decisione sul Regolamento sullo stop alle auto inquinanti. La Presidenza ha comunque confermato il mantenimento del Regolamento come punto A al Consiglio Energia di domani.

Via libera a testo a riunione ambasciatori 27 in Ue – Passa il compromesso tra Commissione e Germania alla riunione dei Rappresentanti Permanenti Aggiunti dei 27 (Coreper I). Ad annunciarlo è la presidenza svedese. “Il Coreper I ha approvato che l’accordo sugli standard C02 per le auto sarà nell’agenda del Consiglio Affari Energia di domani per l’adozione finale”, annuncia la presidenza di turno dell’Ue.

Verso ok finale Ue, testo non sarà riaperto – Il regolamento Ue sullo stop ai motori benzina e diesel a partire dal 2035 “non sarà riaperto” e, dopo l’intesa annunciata sabato tra la Commissione europea e Berlino sull’uso futuro degli e-fuels, dovrebbe ottenere oggi il via libera degli ambasciatori dei Ventisette. Lo ha fatto sapere un alto funzionario Ue, riferendo che – previo il via libera odierno – il regolamento verrà poi aggiunto ai punti all’ordine del giorno della riunione dei ministri dell’Energia in programma domani a Bruxelles. “Gli Stati membri – ha spiegato la fonte – saranno liberi di fare le proprie osservazioni e avere una discussione” sull’accordo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA