Piemonte

A Rivoli è possibile chiedere in gestione due Centri Giovani nei parchi Turati e Salvemini

RIVOLI – Il comune di Rivoli ha aperto la gara per la concessione del servizio di gestione dei 2 Centri Giovani cittadini, “G. Salvemini” e “F. Turati”. Il bando è aperto fino al 10 Gennaio 2024 e resterà in pubblicazione sul sito del Comune di Rivoli (Amministrazione trasparente – Bandi di gara e contratti – Bandi in corso) un avviso pubblico per poter partecipare e concorrere all’aggiudicazione della gestione di entrambi o di un singolo spazio.

La scadenza è fissata per le ore 23:59 del 10 gennaio 2024.

Entrambi sono fabbricati immersi nel verde di storici e noti parchi pubblici cittadini, il primo nel Parco Salvemini di Corso Susa ed il secondo nel Parco Turati in Piazza Marinai d’Italia/Via Capra.

Informazioni utili per il bando

A chi è rivolto?
Ad Associazioni, Cooperative e/o Enti del Terzo Settore iscritte al RUNTS
Quali sono i requisiti richiesti? Svolgere attività rivolte ai Giovani da almeno 3 anni, meglio se di gestione strutture aggregative a favore di enti pubblici o privati negli ultimi 5 anni ed avere le capacità operative per garantire personale e competenze per la gestione delle strutture. Infine avere numero di soci pari o maggiore del 60%, con età inferiore a 35 anni

Quali sono i servizi gratuiti richiesti?
Organizzazione di attività di integrazione e aggregazione con finalità educative/ricreative, culturali, sociali, di promozione sportiva, rivolte prevalentemente ad adolescenti e giovani, privilegiando la massima fruizione possibile di fasce orarie e di giorni della settimana.
Presidio Aule Studio.

Cos’altro si può fare, con entrate economiche?
attività economiche collaterali come: spettacoli, rassegne teatrali, laboratori, manifestazioni di carattere sociale, culturale, educativo, oppure svolgere corsi, mostre, esposizioni – attività di supporto alla didattica.

Qual è la durata della concessione?
3 anni con possibile innalzamento a 5 in presenza di particolari progetti di sviluppo. La stessa non può essere rinnovata.

Quali sono le spese a copertura garantita da parte del Comune?
Non sarà necessario farsi carico dei costi per le utenze, per il riscaldamento, la vigilanza e cura dello spazio (estintori – derattizzazione – manutenzione straordinaria ecc) che saranno a cura del Comune; quest’ultimo, grazie ad un bando Edisu allestirà, in entrambi i centri, uno spazio studio con postazioni dotate di prese elettriche e dispositivi per la connessione wi-fi.

Ci sarà inoltre un Trasferimento fondi da parte del Comune?
In relazione ad un calcolo di compensazione tra le spese a carico dei concessionari per il personale da impiegare per l’apertura, l’organizzazione delleattività ecc, alle entrate ipotizzate per attività a pagamento, alle mancate spese e degli oneri a carico dell’amministrazione, al mancato introito del canone, verrà trasferito al concessionario la somma annuale di € 6.000,00, per ciascun centro.

C’è un canone da pagare?
No. Le uniche spese previste sono: i costi della TARI, per la pulizia dei locali, la manutenzione ordinaria e il Canone per le connessioni alla rete Internet.
Le procedure per partecipare sono un po’ complicate da spiegare qui, ma sono tutte ben illustrate sulla documentazione presente sul sito internet!


Source link

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »